ARMANDO TESTA – Padre della pubblicità

ARMANDO TESTA – Padre della pubblicità

Nato a Torino nel 1917, Armando Testa frequenta la Scuola Tipografica Vigliardi Paravia dove Ezio D’Errico, pittore astratto, gli fa conoscere l’arte contemporanea, a cui guarderà sempre con grande interesse.

Nel 1937, a vent’anni, Armando Testa, vince il suo primo concorso per la realizzazione di un manifesto, un disegno geometrico ideato per la casa di colori tipografici ICI.

Dopo la guerra lavora per importanti case come Martini & Rossi, Carpano, Borsalino e Pirelli. Lavora anche come illustratore per l’editoria e crea un piccolo studio di grafica.

Nel 1956 nasce lo Studio Testa dedicato alla pubblicità non solo grafica ma anche televisiva. Alcune delle aziende che si servono dello Studio Testa diventano ben presto leader di settore: Lavazza, Sasso, Carpano, Simmenthal, Lines. Vince nel 1958 un concorso nazionale per il manifesto ufficiale delle Olimpiadi di Roma del 1960. Rifiutata in un secondo tempo l’immagine proposta da Testa e indetto un secondo concorso nel 1959, vince anche questo.

Nascono poi, fra gli anni Cinquanta e i Settanta, immagini e animazioni filmate per la televisione che sono rimaste nella storia della pubblicità, legati a slogan entrati nel linguaggio comune: il gioco grafico fra bianco/nero e positivo/negativo per il digestivo Antonetto (1960); le perfette geometrie della sfera sospesa sulla mezza sfera per l’aperitivo Punt e Mes, che in dialetto piemontese significa appunto “un punto e mezzo” (1960); i pupazzi conici di Caballero e Carmencita per il caffè Paulista di Lavazza (1965); gli sferici abitanti del pianeta Papalla per Philco (1966); Pippo l’ippopotamo azzurro per i pannolini Lines (1966-67); e poi l’attore Mimmo Craig alle prese con gli incubi dell’obesità, su musiche di Grieg, per l’olio Sasso (1968); l’avvenente bionda Solvi Stubig per la Birra Peroni (1968).

Come primo riconoscimento istituzionale del suo lavoro, è invitato a tenere la cattedra di Disegno e Composizione della Stampa presso il Politecnico di Torino dal 1965 al 1971. Nel 1968 riceve la Medaglia d’oro del Ministero della Pubblica Istruzione per il suo contributo all’Arte Visiva, mentre nel 1975 la Federazione Italiana Pubblicità gli tributa la Medaglia d’oro come riconoscimento per i successi conseguiti all’estero.

Nel 1978 lo Studio Testa diventa Armando Testa S.p.A. che negli anni seguenti apre le sedi di Milano e Roma e continua a siglare campagne pubblicitarie di grande successo. Dalla metà degli anni Ottanta Testa, oltre che nella pubblicità vera e propria, si impegna nell’ideazione di manifesti per eventi e istituzioni culturali e di impegno sociale, da Amnesty International alla Croce Rossa, dal Festival dei Due Mondi di Spoleto al Teatro Regio di Torino.

Realizza anche i marchi che contrassegnano enti culturali come il Salone del Libro e il Festival Cinema Giovani di Torino, e il Castello di Rivoli Museo d’Arte Contemporanea. La sua agenzia diventa la più grande fra quelle operanti in Italia in quel settore, con sedi nelle più importanti nazioni europee.

Si dedica ad una ricerca grafica e pittorica di libera creatività negli anni Ottanta e Novanta. La pubblicità viene ormai studiata come forma autonoma di espressione e comunicazione, e diverse istituzioni italiane e straniere dedicano a Testa mostre antologiche, che spesso comprendono la sua attività pittorica.

Vanno ricordati il Padiglione d’Arte Contemporanea di Milano nel 1984, la Mole Antonelliana di Torino nel 1985, il Parson School of Design Exhibition Center di New York nel 1987, il Circulo de Bellas Artes di Madrid nel 1989. Sempre nel 1989 diviene “Honor Laureate” presso la Colorado State University di Fort Collins.

Armando Testa muore a Torino il 20 marzo 1992, tre giorni prima di compiere settantacinque anni. Tra le mostre a lui dedicate dopo la sua scomparsa, le personali di Palazzo Strozzi a Firenze nel 1993, del Museo di Arte Contemporanea di Rivoli e Castel Sant’Elmo nel 2001 e all’Istituto Italiano di Cultura di Londra nel 2004. (fonte www.armandotesta.it)

OPENARTAWARD 2015 – Dusty Lab premiata

OPENARTAWARD, la giovane agenzia sale sul podio della prestigiosa competizione.

Sabato 3 ottobre al PAN (palazzo delle arti di Napoli) si è svolta la quarta edizione del premio internazionale alla pubblicità OPENARTAWARD. Un Concorso internazionale, che ha visto la partecipazione di circa settanta agenzie, riservato alle aziende che operano nel settore della comunicazione visiva e del marketing.

Patrocinato dalla Commissione Europea, dal Ministero dello Sviluppo Economico, dalla Regione Campania, dal Comune di Napoli e onorata dalla Medaglia del Presidente della Repubblica. Tale competizione riscuote ogni anno un grandissimo successo, dando inoltre la possibilità, a chi è del settore, di farsi conoscere e far conoscere la propria attività.

Tra le realtà aziendali che vi hanno partecipato ha riscosso notevole successo uno studio di Grafica, Web e Design, situato in provincia di Caserta. Parliamo del laboratorio creativo DUSTY LAB. Il quale è riuscito a classificarsi al terzo posto nella sezione packaging della competizione. Con il lavoro “WING BEER” si è aggiudicato il Terzo premio della competizione, alle spalle di due consolidate realtà, quali “BRUNAZZI e ASSOCIATI” (Torino).

DUSTY LAB è una giovane realtà, che è riuscita ad emergere e a farsi spazio grazie all’entusiasmo di tre giovani menti “creative” e “affamate di formazione”, che da anni vivono per la comunicazione visiva. Facendo di un semplice lavoro un’opera di design. Il team: composto da Francesco Cinquegrana (Graphic Designer), Gabriele Lamberti (Developer) e Giovanna Cimmino (Social Strategist), ha accolto la premiazione con grande orgoglio, guardando questo traguardo come la giusta ricompensa di passione, sacrificio e competenza.

 

OPENARTAWARD Wing Beer - DustyLab premiata terzo posto sezione packaging
OPENARTAWARD Wing Beer – DustyLab premiata terzo posto sezione packaging
Top